Dinner On Stage: Il Risotto al miele di tiglio, mascarpone e noci in scena per il TEDxVicenza.


Giovedì 22 marzo il Teatro Comunale Città di Vicenza alza il sipario sulla prima Adventure di TEDxVicenza.

Le Adventures rappresentano un’esperienza impareggiabile e una preziosa occasione di networking, in luoghi a volte difficilmente accessibili al pubblico. Lo scopo non è solo quello di continuare quella condivisione di idee, che rappresenta l’anima del mondo TED, ma avvicinare la comunità locale attraverso una partecipazione attiva del pubblico, che da spettatore diventa vero protagonista. Nasce così Dinner on Stage- La Cena va in Scena, un momento di celebrazione della cucina italiana, che da sempre rappresenta il nostro paese, attraverso un menu particolare e di qualità, che esalta l’eccellenza locale. Uno spettacolo fatto di parole e musica, con ospiti a sorpresa che daranno vita a un’esperienza unica e coinvolgente. Una cena esclusiva, destinata a emozionare e sorprendere in pieno stile TEDxVicenza.

Il menu è un segreto che si svelerà solo giovedì sera. Non potendo anticiparvi di più, nel racconto Il Risotto al miele di tiglio, mascarpone e noci vi rivelo due degli ingredienti, che saranno protagonisti delle ricette della prima Adventure di TEDxVicenza, il miele e il mascarpone, da me così reinterpretati. 

Il Risotto al miele di tiglio, mascarpone e noci.
Prologo. È dall’inizio che bisogna partire. La cucina è un’opera in atti che va in scena ogni giorno della nostra vita. Per non trasformare la nostra pièce in una tragedia è necessario conoscere da dove si parte, per capire dove si vuole arrivare.

Atto primo. La ricetta prende forma da un ingrediente, il miele, non un miele qualsiasi, ma un miele di tiglio, la cui dolcezza si mescola al suo sapore intenso, mentre si sente il profumo della salvia, delle montagne. Olfatto e gusto si armonizzano, nasce così, nella mente del cuoco, l’idea, la ricetta. Si mescolano gli ingredienti: il riso, di Grumolo delle Abadesse, coltivato dalle monache Benedettine dal ‘500, il mascarpone, che aiuterà il risotto a diventare una crema, le noci, quelle di Treviso, il tutto bagnato da un bicchiere di Lugana. 
Atto secondo. Sfrigola la cipolla tritata finemente ed appassisce prima che il riso la raggiunga per essere tostato. Un grande vapore si alza dal vino che sfuma, seguito dal brodo vegetale, che poco a poco viene aggiunto prima di essere completamente evaporato, sino a fine cottura del riso. È negli ultimi cinque minuti, prima della fine dell’atto, che accade tutto. Il risotto è quasi pronto, il miele cola su tutto, solo un cucchiaino, si scioglie. Un assaggio. Il fuoco si spegne ed ecco una grattata di parmigiano e un abbondante cucchiaio di mascarpone che velocemente contribuiscono alla mantecatura del risotto, mentre il grande Demiurgo, il cuoco, crea l’onda perfetta. 
Atto terzo. Arriva una pioggia di noci a guarnire il risotto, una forchettata verso la bocca, e la cremosità, la dolcezza bilanciata al salato si sprigionano nel palato, mentre un leggero crock risuona tra i denti.

Fine.
O forse no! Seguitemi sui miei canali giovedì sera per vivere insieme questa Adventure.

Commenti

Post più popolari