Asparagi verdi e uova sode

Lungo la strada marosticana, che collega Vicenza a Bassano Del Grappa, spuntano banchetti e furgoncini carichi di asparagi. Bianchi, verdi o viola sono una prelibatezza della stagione primaverile, a cui io non posso rinunciare.
Tra le molte curiosità legate a questo ortaggio, nell’Antica Grecia si credeva che avessero poteri afrodisiaci. I romani, invece, consigliavano alle donne di portare le radici in un sacchetto nascosto tra le vesti a scopo contraccettivo.
E ancora, Luigi XIV ne era talmente goloso che aveva fatto erigere una statua per il giardiniere di corte, che era riuscito a coltivare l’asparago tutto l’anno.
Un classico della cucina veneta prevede che vengano accompagnati dalle uova sode. Per renderli più appetitosi, io li ho preparati così.

Ingredienti per 4 persone:
500 g asparagi verdi
3 uova sode
1 cucch. di aceto di vino bianco
olio extravergine d'oliva q.b.sale
pepe

Dopo averli ben lavati ed aver tolto la parte più coriacea del fusto con un pela patatate, lessiamo in acqua bollente salata gli asparagi, legadoli con uno spago e lascaindo le punte fuori dall'acqua. Nel frattempo, sgusciamo le uova sode e frulliamole con aceto, olio, sale e pepe. Io ho preferito non farne una crema, ma creare delle quenelles di accompagnamento, ma se preferite potete passarle fino ad ottenere una salsa cremosa.
Serviamoli con un filo d'olio a crudo e una grattata di pepe.

Commenti

Post più popolari