Il Caffè Demar, perché sceglierlo.

Volge al termine il nostro viaggio nel mondo del caffè in collaborazione con la Torrefazione Demar Caffè di Udine
Abbiamo scoperto come viene selezionato e prodotto il caffè seguendo una rigorosa filiera dalla pianta alla tazzina, usando l’antica tecnica della tostatura a legna. Abbiamo cucinato insieme con questo prezioso ingrediente, un classico tiramisù e uno spaghetto al limone e bottarga aromatizzato al caffè. Infine, ci siamo lasciati andare nei nostri riti mattutini con la tazzina in mano.
Il caffè verde, proveniente da tutto il mondo, una volta arrivato in torrefazione nei sacchi di juta, deve superare controlli e test di qualità. Il blend viene poi fatto attraverso molteplici prove d’assaggio seguendo uno standard che è marchio di famiglia.
Selezionare vuol dire assicurare in tazzina l’equilibrio perfetto di gusto, di qualità aromatiche e organolettiche. L’attenzione e la passione per il mondo del caffè ha portato la Torrefazione Demar a selezionare una serie di prodotti che si adattano sia alle esigenze del bar, che quelle domestiche, passando da aromi decisi a delicati, sino ad arrivare a un decaffeinato di altissima qualità.
Se il grosso lo fa la qualità del caffè, la differenza la fanno la macchina e il barista. Per questo motivo, un’ala della torrefazione di Udine è dedicata alla Scuola Del Caffè, così da fornire ai professionisti di bar e caffetterie la formazione completa per esprimere il massimo risultato in ogni tazzina, affinché ogni caffè Demar diventi un’esperienza unica di degustazione.
Tutto questo è necessario e finalizzato alla migliore esperienza possibile, perché basta un minimo, insignificante errore in qualsiasi momento della filiera, che questo emerge senza appelli nella tazzina.
Riconoscere il caffè Demar è semplice, poiché rispetta, dalla miscela alla tazzina, un protocollo per un perfetto espresso:

  • L’elevata cura nella scelta della miscela;
  • La perfetta macinazione, in modo che il tempo di estrazione resti compreso tra i 25 e i 30”;
  • La temperatura dell’acqua in entrata sul caffè deve essere di 94°C e in uscita di 86°C;
  • La pressione ottimale dell’acqua deve essere di 15 atmosfere per le macchine a leva e di 9 per le automatiche;
  • La quantità di polvere consigliata è di 8,5 – 9 g per una tazzina ottenuta con le macchine a leva, mentre è di 7 g per le automatiche;
  • La tazzina è di colore3 bianco, di porcellana dura, con manico ad arco, di forma con tondo interno a uovo, di capacità di 80 ml, con una temperatura di 50°C al momento in cui scende il caffè;
  • La quantità di caffè in tazza è di 35-40 ml.
Non esitate a contattare la Torrefazione Demar al sito https://www.demarcaffe.it/, per scoprire i loro prodotti, nonché l’offerta e l’assistenza che concedono ai loro clienti.

(Articolo sponsorizzato #adv)

Commenti

Post più popolari