Ristorante Acchiappagusto: Emozioni dei Sapori tra i Colli Berici

Tra i Colli Berici, nel verde di Arcugnano, su una terrazza che regala la bellezza del nostro territorio, si trova il ristorante Acchiappagusto, alla cui guida c’è una giovane e brillante cuoca, piena di energie, caparbia e tenace: Eleonora Andriolo.
Dopo aver messo in un cassetto il diploma di ragioneria, Eleonora inizia la sua avventura culinaria, realizzando così un sogno. Con al suo fianco il padre Flavio, che ha avviato il locale quattro anni fa, guida oggi in maniera indipendente una squadra tutta al femminile: la sala viene gestita dalla sorella Sofia, da Marta Sofia, compagna di Flavio, mentre in cucina Eleonora viene aiutata da Anna.
La passione nasce nella cucina di nonna Elvi, che è oggi la critica più temuta 
«Chiamo sempre nonna Elvi quando preparo un nuovo menù. Lei assaggia silenziosa, poi a fine pasto mi fa chiamare, mi fa sedere accanto a lei e mi recensisce ogni piatto. Ciò che amo di più è la frase finale che pronuncia sempre, inesorabilmente. Mi dice di non scrivere su carta, “Eleonora, appunta tutto a mente e nel cuore”. Come dire: “Mettici più testa e passione” ed è ciò che cerco di fare ogni giorno da quando ho iniziato a lavorare nel ristorante di papà».
La cucina di Eleonora guarda alla tradizione veneta, vicentina e veneziana, nel rispetto del territorio nel quale vive, ricco di tradizioni, storia, abitudini. 
«Nonna Elvi mi regalò un ricettario scritto a mano con oltre mille ricette: un gesto che fece riflettere dandomi la consapevolezza dell’importanza del ruolo di ciascuno Chef nel preservare le tradizioni culinarie del territorio veneto cercando di evolvere la cucina, ma con profondo rispetto per lo stile italiano».
Non solo, la cucina di Eleonora è ricca del profumo dei suoi viaggi, luoghi scelti come meta delle sue esplorazioni. Queste contaminazioni si esprimono all’interno dei suoi piatti in originali e creative combinazioni, che lasciano il palato stupito e deliziato.
Il menù che Eleonora propone è ricco di tradizione ed avventura. 
Ospite di Eleonora, il pranzo nella bellissima terrazza, che può ospitare sino a 30 coperti, inizia con una sfera di pisello con agretto adagiata su un fresco di pomodoro e una spugna alla pizzaiola con una terra di olive. 
La mia Marrakech è un risotto alla barbabietola e formaggio Vezzena, mantecato con the al karkadè e arricchito dal tartufo nero. 
Le linguine del porticciolo sono linguine acqua, farina e basilico, con tre alghe essiccate, riccio, un gambero marinato, intensa è la nota data dal pepe agrumato. 
Le interpretazioni del Maccarello è un secondo piatto che interpreta il pesce in tre diverse cotture. 
Il dolce viene preceduto da un sorbetto al bergamotto e ginseng. 
Il dessert esprime tutta la passione per la pasticceria di Eleonora: l’orchidea framboise, in cui la vaniglia del Madagascar si combina con i lamponi e le mandorle tostate, lasciando quel ricordo nella mente che ti spinge a ritornare.
La cucina di questa giovane Chef è fresca e creativa, con un occhio alla storia della cucina del Veneto, una scoperta incastonata nel verde dei Colli Berici.

Ristorante Acchiappagusto
Via S. Giustina 9, Arcugnano (Vicenza)
Tel. 0444323713
www.acchiappagusto.it
(chiuso domenica sera e lunedì)

Commenti

Post più popolari